CANIN.La strada nella roccia

CANIN: La strada nella roccia

Appunti per un avventuroso video-viaggio speleologico.

(cinquant’anni di esplorazioni sugli altipiani del Monte Canin)

tramonto sul CANIN

Il monte CANIN visto dal COL DELLE ERBE

Il massiccio del monte Canin, alto 2587 metri, si trova nel cuore delle Alpi Giulie, ultima sillaba della notissima filastrocca geografica “Ma con gran pena…”  che impone a tutti il timbro indelebile della più famosa catena montuosa del pianeta: il lungo arco Alpino, da Occidente a Oriente. Non è una montagna che rimane nella memoria perché bella, slanciata, teatro di ardite gesta alpinistiche. Anzi, la sua mole massiccia, tozza, estesa, la rende appena distinguibile tra le altre, Montasio, Jof Fuart, Mangart, con una caratteristica lunga cresta di vette quasi indistinte che accompagna il confine tra Slovenia e Italia, lungo quella che per cinquant’anni fu una dolorosa frattura tra la gente d’Europa.

Oltre alle poche tracce che lasciò nelle sue fessure e dentro ai profondi nevai l’esercito italiano in rotta nel 1917 durante la disfatta di Caporetto, questa montagna si fa notare, invece, per il colore della sua pietra: bianchissima. E’ proprio questo colore, contrapposto al nero profondo della notte totale, che dà un senso alla nostra storia: il monte Canin è fatto di una roccia calcarea particolarmente pura, che offre al ghiaccio, all’acqua, al vento, al tempo stesso che scorre, una straordinaria occasione di scavare passaggi e strade, paesaggi e città intere ricoperte di buio, nascoste nella pietra. Dal 1961 ad oggi, su quella montagna si è scritta una straordinaria pagina di esplorazione, forse l’ultima possibile nel mondo digitale e satellitare di oggi, che ha avuto aspetti umani, geografici, sportivi, scientifici quasi del tutto nascosti, che rappresentano invece un originale ed irripetibile patrimonio culturale di tutti. Questo video-viaggio vuole farvelo conoscere. video-viaggio vuole farvelo conoscere.

CRONACA DI UNA CONGIUNZIONE ANNUNCIATA

La galleria delle zecche, mai nome di un ramo fu più azzecato… Pubblicato su Progressione 66 Alla fine del 2016, dopo aver trovato il collegamento tra il complesso del Col delle Erbe (grotta Buse d’Ajar) […]

Magicna Vrata.

Un sogno tra i due più grossi sistemi dell’altipiano del Canin. Pubblicato su Progressione 66 I nuovi rami del Gortani, o meglio alla luce della giunzione tra il complesso del Col delle Erbe e il […]

Dio ANUBI

Pubblicato su Progressione 66 Terminata  l’esplorazione  del “Frozen”  siamo tornati, nuovamente motivati, a dedicare le nostre energie  all’Anubi. Così, dopo il provvidenziale break, eccoci di nuovo a continuare  l’arrampicata che da meno 400 conduce alle […]

Polifemo, nel vallone di Prevala.

Pubblicato su Progressione 66 Se a Sella Nevea ci fermiamo in prossimità della vecchia stazione di arrivo della funivia, (ora in disuso), e osserviamo la parete sotto il Forato, non possiamo non vedere dei grandi […]

Dimenticata. Luglio 2019

L’ingresso di questa cavità, già conosciuta ma della quale non ho mai saputo il nome e che io ho battezzato come ” Dimenticata”, è ben visibile da un ottimo punto panoramico sulla vallata  lungo il […]

[VIDEO] Commemorazione sul Monte Canin a 50 anni dalla scomparsa di Enrico Davanzo, Paolo Picciola e Marino Vianello

COLLEGAMENTO LED ZEPPELIN-COL DELLE ERBE

Con febbraio 2018 abbiamo iniziato a la­vorare con gli ungheresi nelle zone nuovis­sime del Gortani entrando dalla scorciatoia dell’abisso Rolo ed evitando così pericolosi avvicinamenti invernali all’ingresso basso scoperto dagli ungheresi. La zona più inte­ressante […]

SISTEMA GHIACCIO BP1 – NOVELLI

La descrizione a catasto dell’ingresso della Grotta del Ghiaccio cita così: “L’ingresso della grotta è un’alta fessu­ra verticale che si apre sulla parete Est del Monte Bila Pec ed è ben visibile dal Rifugio Gilberti. […]

PROGETTO “C3 – CAVE’S CRYOSPHERE AND CLIMATE”

ATTIVITÀ SCIENTIFICA 2018 Come da standard programmato, nel corso del 2018, l’evento principale di tutta l’attività scientifica del progetto C3 è stato il fieldwork di 2 giorni in Canin (Alpi Giulie orientali) in autunno che […]

UN ABISSO PER MICHELE GORTANI

So bene che questo articolo può interes­sare alle poche persone desiderose di sapere chi è stato Michele Gortani, il personaggio al quale è stato dedicato l’abisso più impor­tante scoperto dalla nostra Commissione nei 135 anni […]