Ferruccio Cimadori

 

Ferruccio CIMADORI – (Trieste 1865 – Trieste 20.10.1931)

 Tratto da: – – , 1932: Dott. Ferruccio Cimadori, Alpi Giulie, XXXIII (1): 15-16
[…] Nato a Trieste nel 1865 egli fece gli studi in quel ginnasio comunale ch’era il focolare d’ogni nobile amor di patria, e si laureò in legge nel 1888 all’università di Vienna. Entrò giovanissimo nel Consiglio municipale, che poté presto apprezzarne le rare doti di realizzatore nei più svariati e vasti problemi cittadini.
L’azienda comunale lo ebbe efficace e pronto organizzatore e rinnovatore di vari uffici ed imprese municipali. E già nel 1899 egli ebbe l’onore di essere eletto Vicepresidente del Consiglio. […]
Durante la guerra [1915-1918] Ferruccio Cimadori si meritò il confinamento politico a Graz, e dopo la redenzione la commenda della Corona d’Italia. La morte lo colse improvvisa, e fu lutto cittadino. L’Alpina che perde in lui uno dei suoi più sinceri e fervidi sostenitori ed amici, ne serberà perenne ricordo fra le menti più elette che onorarono la grande famiglia degli alpinisti giuliani.
E’ stato fra i fondatori della Società Alpina delle Giulie e, sempre nel 1883, del suo Comitato alle Grotte.

 Ulteriori notizie su Ferruccio Cimadori si possono trovare in:

– – , 1931: Comm. dott. Ferruccio Cimadori, Alpi Giulie, xxxII (3-4): 87