home > studi e ricerche > Speleobotanica > Il fenomeno dell'inversione termica nei baratri, pozzi e voragini del Carso

IL FENOMENO DELL’INVERSIONE TERMICA NEI BARATRI, POZZI E VORAGINI DEL CARSO TRIESTINO

Il fenomeno dell’inversione termica, già percepibile negli avvallamenti e rilevante nelle doline, risulta particolarmente esaltato nei profondi baratri, negli ampi pozzi e nelle imponenti voragini che si aprono sull’altipiano carsico triestino. In tali siti vengono di conseguenza a determinarsi singolari topoclimi e precisi microclimi che favoriscono l’insediamento e lo sviluppo di una particolare vegetazione che è tipica di zone situate a quote di gran lunga più elevate, sottoposte ormai a climi spiccatamente continentali od anche alpini.

Accanto al prevalente contingente vegetazionale - che comprende in massima parte Briofite (Epatiche e Muschi) e Pteridofite (Felci) - vi figura un ristretto gruppo di Spermatofite (specie con fiori) d’impronta dolinare, la cui esistenza in tali ambienti potrebbe rivelarsi, a prima vista, un evento sorprendente ma che trova immediatamente la sua giustificazione proprio nelle particolari condizioni climatiche del sito in cui esse si sviluppano. Si distinguono, a tal proposito, Galanthus nivalis, Primula vulgaris, Asarum europaeum, Dentaria enneaphyllos, Corydalis cava, Lathyrus vernus, Lamium orvala f.ma Wettsteinii, Lamiastrum montanum, Geranium robertianum e Cyclamen purpurascens.
 Del tutto eccezionale è invece, in tali ambienti, la presenza di alcune altre Spermatofite, quali ad esempio quella di Lilium carniolicum (rilevato nel 1986 poco al di sotto del margine sud della "Perinoga", 45/54 VG e nella quale continua a rinnovarsi conferendo, con la puntuale e vivace fioritura rosso-aranciata, una nota lieta all’inquietante atmosfera che il sito evoca), di Lilium martagon, di Moehringia trinervia (Progressione 38) e, non ultima, quella di Veratrum nigrum (Progressione 39).

Veratrum nigrum è stato individuato nei primi metri di profondità della zona "liminare" di due imponenti pozzi dell’altipiano carsico triestino: il Pozzo di Gropada o, con nome indigeno, "Perinòga" (45/54 VG) e l’Abisso presso Opicina Campagna, noto sin dai tempi passati come "Fovea Persèfone" (119/185 VG).

Con la scoperta di Veratrum nigrum nelle due cavità appena considerate, si va maggiormente a delineare ed a puntualizzare l’affascinante quadro speleovegetazionale dell’altipiano carsico triestino.

Considerando da un lato l’attuale variazione climatica - che comunque riveste un rilevante ruolo nella scomparsa o nell’insediamento delle specie - e dall’altro la progressiva e minuziosa esplorazione floristico-speleovegetazionale delle cavità carsiche, sarà probabilmente possibile scoprire in queste ultime - o in altre per vari motivi non ancora indagate - qualche altra particolare entità. Si sarà così compiuto un ulteriore proficuo passo nella maggior conoscenza di questi ambienti vegetazionali, così straordinari ed ancora prodighi di specifiche sorprese.

BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE

BERTARELLI L.V., BOEGAN E. 1926 "Duemila Grotte" Ed. T.C.I., Milano.
MARCHESETTI C. 1896-97 Flora di Trieste e de’suoi dintorni Atti Mus. civ. Stor. nat. di Trieste, 10: 572-573.
PIGNATTI S. 1982 Flora d’Italia Edagricole, 3 Voll., Bologna.
POLDINI L. 1980 Catalogo floristico del Friuli-Venezia Giulia e dei territori adiacenti Studia Geobotanica. Ist. ed Orto Bot., Univ. di Trieste, I (2): 313-474.
POLDINI L., GIOITTI G., MARTINI F., BUDIN S. 1984 Introduzione alla Flora e alla Vegetazione del Carso Lint Trieste: 198.
POLDINI L., 1985 L’Asaro-Carpinetum betuli Lausi 64 del Carso Nordadriatico Studia Geobotanica, Ist. Ed Orto Bot., Univ. di Trieste, 5: 31-38.
POLDINI L. 1989 La vegetazione del Carso isontino e triestino Ed. Lint, Trieste: 1-313.
POLDINI L. 1991 Atlante corologico delle Piante Vascolari nel Friuli-Venezia Giulia Inventario floristico regionale. Udine, Arti Graf. Friul., pp.900.
POLLI E., POLLI S. 1989 Stratificazione microclimatica e vegetazionale in un tipico baratro (Caverna a NW di Fernetti 4203 VG) del Carso triestino Atti e Mem. Comm. Grotte "E. Boegan", Vol. 28: 39-49.
POLLI E., GUIDI P. 1996 Variazioni vegetazionali in un sessantennio (1935-1995) nella dolina della Grotta Ercole, 6 VG (Carso triestino) Atti e Mem. Comm. Grotte "E. Boegan", Vol. 33: 55-69.
POLLI E. 1987 Particolare sviluppo di Phyllitis scolopendrium Atti e Mem. Comm. Gr. "E. Boegan", Vol. 26: 65-72.
POLLI E. 1995 La Lingua di Cervo (Phyllitis scolopendrium [L.] sul Carso triestino) Progressione N.33, Anno XVIII, N. 2: 38-43.
POLLI E. 1997 Distribuzione delle Filicales nelle cavità del Carso triestino Atti e Mem. Comm. Grotte "E. Boegan", Vol. 34 (1996): 101-117.
POLLI S. 1961 Il clima delle doline del Carso Atti del XVIII Congr. Geogr. It., Trieste 1961, Vol. 2: 127-135.
POSPICHAL E. 1897-1898 Flora des Oesterreichischen Kustenlandes. 2 (1) Leipzig u. Wien.