home > studi e ricerche > Speleobotanica > Dryopteris FILIX-MAS(L.)

DISTRIBUZIONE SUL CARSO TRIESTINO DI DRYOPTERIS FILIX-MAS (L.) SCHOTT

Pubblicato sul N. 36 di PROGRESSIONE - anno 1997

 GENERALITA’

DRYOPTERIS FILIX-MAS (L.) Schott, con denominazione italiana di Felce rnaschio o Felce maschia, è una Pteridofita perenne con distribuzione subcosmopolita (Europa, Asia centrale e settentrionale, Estrerno Oriente, Africa, America settentrionale, Brasile ed Australia), appartenente alla famiglia delle Aspidaceee -. Essa trova il suo naturale habitat nelle radure dei boschi submesofili a clima rnedio-continentale e nei siti selvatici ombrosi montani ricchi di humus, dai 0 ai 2300 m (raramente 2800 ml di altitudine). In qualche bosco di forra, con elevata umidità e penombra, il suo sviluppo può ricordare quello notevole delle felci tropicali. Ne è un tipico esempio, relativamente vicino al Carso triestino, lo sfagneto della Grotta del "Principe Ugo" (119 VG) nel Rio dei Gamberi (Rakov Skocjan), descrivendo il quale già lvancich (1926) e Morton (1938-39) evidenziavano la magnificenza e la rigogliosità della felce, inserita in un paesaggio dai connotati tropicali in miniatura. I contributi classici di Marchesetti (1696-97) e di Pospichal (1898) e quelli più aggiornati di Poldini (1980, 1989, 1991), pur segnalando la presenza di Dryopteris Filix-Mas sul Carso triestino, soltanto in rari casi ne specificano la precisa ubicazione. Non risulta pertanto pubblicato, allo stato presente, una quadro dettagliato dei siti carsici relativi alla presenza di Dryopteris Filix-Mas. In seguito ad indagini e sopralluoghi a cavità, baratri e doline di crollo, effettuati con una certa frequenza in questi ultimi decenni, e stato possibile individuare e quindi delineare un primo areale di distribuzione della felce sul territorio carsico. In questo contributo viene dunque fornito il corrente prospetto delle cavità e dei siti carsici, ipogei ed ipogei, ove Dryopteris Filix-Mas stata sinora accertata, quantificandone la specifica presenza. A completamento, si ritiene opportuno segnalare, in apposita tabella, le altre stazioni della felce in altri ambienti della provincia di Trieste.

   CARATTERI MORFOLOGICI

Dryopteris Filix-Mas (L). Schott (Syn.: Aspidium Filix-Mas. in Schrd., Polypodium Filix-Mas L., Nephrodium Filix-Mas (L.) Strempel., Polystichum Filix-Mas (L.) Rothl è una felce alta dai 50 ai 150 cm, munita di un breve rizoma obliquo sotterraneo, fittamente rivestito di residui fogliari e di squame brune membranose. Le fronde, marcescenti durante la stagione invernale, sono di forma ellittica-bislunga e lunghe sino a 1,3 m, spesso disposte in rosetta. Il picciolo, 2-3 volte più corto della lamina, appare compatto e di colore bruno chiaro, rivestito di squame brune (palèe). La lamina e oblunga, gradualmente attenuata verso l'apice, bipennata, con una serie di 20-35 segmenti del primo ordine su ogni lato, lanceolati ed acuminati, pennati o profondamente pennatifidi. I segmenti terminali sono oblunghi, obliqui verso l'alto, ad eccezione di quelli inferiori che confluiscono alla base, arrotondati all'apice ed acutamente dentati.  I sori, da 4 ad 8, sono situati sulla pagina inferiore della parte alta della foglia, disposti in due serie su ogni pinnula, e risultano rico­perti da un indusio solitamente glabro, al qua­le una linea radiale e bassa (la linea d’inserzio­ne) conferisce la forma di un rene (da Nephrorodium, nephros = rene). Maturano da giugno a luglio e la sporulazione avviene gene­ralmente da luglio a novembre. Il numero cro­mosomico della specie, secondo Ehrendorfer, è 2n = 164. Le varie denominazioni, con le quali in pas­sato veniva indicata la felce, dipendevano dalle numerose varietà e forme che essa assume­va nei territori ov’era presente. Il rizoma cespitoso della Felce maschio, che denota un odore caratteristico e poco gradevole, è insipido ed astringente. Possiede tuttavia alcuni principi attivi, quali composti fluoroglucinici (aspidinolo, filicina, albaspidina), tannini, amido e principi amari vari. In passato fu utilizzato in medicina quale efficace rimedio antielmintico, tenifugo ed antinevralgico. Fre­sco e pulito, esso veniva applicato presso la parte dolorante per curare i reumatismi e la sciatica. Attualmente impiego del rizoma è in disuso a causa della velenosità e della peri­colosità degli effetti collaterali. In omeopatia viene ancora utilizzato in caso di emicrania. Per uso esterno, con le fronde si prepara un decotto caldo contro reumatismi e gotta. Quale passata curiosità, riguardante le fronde della felce maschio, si ricorda come queste venissero poste nelle scarpe per eli­minare la stanchezza ed il gonfiore dei piedi e cosi pure per tenere calde le estremità. Inol­tre esse potevano venir inserite nel guanciale del letto per alleviare le sordità dovute a colpi d’aria.

 DISTRIBUZIONE PASSATA ED ATTUALE DI ORYOPTERIS FILIX-MAS SUL CARSO TRIESTINO

  Dryopteris Filix-Mas (ted.: Gemeiner Wur­mfarn, Mannlicher Wurmfarm; slov.: Navad­ne Glistovnica; altipiano carsico: Mozki pra­prot; ingl.: Male fern; franc.: Fougère Male) è specie caratteristica dei boschi di faggio e di altre latifoglie mesofile (Ordine Fagetalie Syl­vaticae Pawl. 27) e la si può quindi rinvenire nella Feggeta submontana (Hacquetioapipaotido-Fegetum) nel Frassineto di forra (Haoquetio epipactido-Fraxinetum) ma anche nel­l’Abieteto ad Acetosella (Dxalido-Abetatum) ed in quello ad Adenostile glabra (Adenostylo glabree-Abietetum). È pure elemento dei Ca­stagneti. Nella Penisola Italica, in queste associa­zioni, la specie è presente e relativamente comune sulle Alpi, sull’Appennino Settentrio­nale ed in Corsica; più rara nella Padania, sull’Appennino Centro-Meridionale, in Sicilia ed in Sardegna. In Regione, si sviluppa dall’Alto Friuli sino al Distretto montano, nel Genziana, sul Car­so e nell’Istria. È stata schedata (Poldini, 1991) nella quasi totalità delle 76 aree di base in cui è stato suddiviso fitogeograficamente il Friuli-Venezia Giulia, non risultando rilevata soltan­to per alcune zone della Bassa Friulana.

  DISTRIBUZIONE PASSATA

Per quanto riguarda la Bassa Pianura Friu­lana, già L. Gortani la segnalava al principio del secolo - con il nome di Nephrodium Filix-Mas - presso Negare e a Torre di Zuino nei fitti e rigogliosi boschi di Querce, assieme alla Farnia (Quercuspedunculata), al Carpino bian­co (Carpinus betulus) al Frassino (Fraxinus omus), al Carniolo (Comus maa) nal Nocciòlo (Cryus avelana), alla Frangola comune o Alno nero (Fragola alnus), all’Olmo (Ulmus campestris), all’Acero (Acer campestre), al Ligustro (Ligustrum vulgares) ed alla Felce femmina [AtyniumFilix-foemina). I boschi di tali am­bienti, situati generalmente e latitudini supe­riori con clima più freddo, presentano nella Bassa Friulana una specifica flora con carat­teri continentali con l’inusuale presenza, ed esempio, dell’Elleboro bianco (Veratrum album), del Giglio Martagone (Liummartagon), del Mezereo (Daphne Mezereum) e dell’Erba Paris [Paris quadrifolia), ma anche con quella delle più termofile Viticella (Clematis viticella) e Caprifoglio (Loricena caprifolium)

Ancora L. e M. Gortani (1905) le citava­no comune, nella forma più diffusa (nephrodium subintergum) nei boschi e nei luoghi sel­vatici della regione submontane e montana, dai 175 m di quota di Valeriano e di Lestans ai 1250 m di Cesare Talm e del Monte Pura. Nella forma palaceuma Fara verso Andreis (660m) e nella f. crenatum sul Monte Mar a (690 m), presso Lateis (1100 m) e sotto Casera Talm (1200 m). In altre rare forme la Felce maschio era presente presso Fresse­netto (1100 m) e nei dintorni di Rigolato (730-760 m). Nel Goriziano Zirnich aveva individuato e raccolto Dryopteris Filix-Mas f. crenatum nel Bosco di Panovitz presso Gorizia (1932) e nella ver. subintagrum sull’altipiano della Ben­sica (Bainsizza, 1942) e nella Valle del fiume Vipacco (1941), fra Reifenberg (Rifembergo) e Dornberg (Montespino). Ma già nel 1846 Biasoletto aveva segna­lato, copiosissime, la felce (con la denomina­zione di Aspidium Filix-Mas nelle Caniola e più specificatamente nei luoghi selvaggi om­brosi del Monte Nevoso (Schneeberg). Sull’altipiano carsico triestine Dryopteris Filix-Mas è specie raramente presente nelle zone liminari e sublimineri di cavità e di siti ove si sviluppa il Carpineto delle doline (Asaro-Carpinetum betuli) Lausi 64); a volte la si può pure occasionalmente rinvenire nei boschetti a Sambuco e Robinia (lamio orvalae-Sambucetum nigree Poldini 60). Marchesetti indicava Dryopteris Filix-Mas relativamente frequente - per lo più nelle varietà a pinnule arerete al margine (v. creratum) nei boschi montani di Trebich (Trebi­ciano) e del M. Cocusso e, in territorio oltre l’attuale confine di Stato, nelle fovèole om­brose di Orleg (Orlek), di Oiveccia, di Nacle, del Monte Cucco, nella Val Resse, sul M. Slau­nig (M. Taiano), ad Obrou (Obrovo) e nelle Valle del Rio Pades.

 Pospichal, che chiamava la Felce Maschio Aspidium Filix-Mas la suddivideva in due va­rietà: typicum, alte 7 cm, con 30 pinne e pinnule e crenatum, alta 30 cm, con 20 pinne e 12 pinnule. La prima varietà figurava relativamente comune negli ambienti ombrosi ed umidi, nelle forme e nelle regioni settentrionali. Le secon­da l’aveva notata ad esempio sul versante dello Slavnik (Monte TaianoJ verso Presnice (Bresenza), in un sassoso pendio tra Quisca e Vercogliano, sul Collio e sul Morte Maggiore. Sull’altipiano carsico triestino l’aveva rinvenu­ta, frequente ed in buone condizioni, a Percedol.

DISTRIBUZIONE ATTUALE

Attualmente Dryopteris Filix-Mas - come già sopra accennato - risulta poco diffusa sul­l’altipiano carsico triestino. È presente occa­sionalmente in alcuni siti umbratili ed umidi dolinari e talvolta, in modo infrequente seppu­re con maggior potenzialità, all’imboccatura di cavità o tra i massi di poco profondi baratri o di modesti sprofondamenti. Nella sottostante Tabella N. I vengono riportate le 14 cavità del Carso triestino ove la Felce Maschio è stata sinora individuata. Di ogni cavità sono indicati il numero catasta­le, la denominazione, le quote d’ingresso, la località prossime e le frequenza della specie (* scarsa, ** discrete, *** buona).  Dryopteris Filix-Mas oltre che nelle cavi­tà citate nelle soprastante Tab. N. 1, è stata pure individuata in alcuni altri siti dell’altipiano carsico o degli immediati dintorni della città di Trieste. Tali siti, accertati a partire dal 1983, si ritiene opportuno renderli noti nelle sottostante Tab. N. 2.

TAB. N.1

VG

CAVITÀ

Quota m

FREQ.

LOCALITÀ PROSSIMA

3

Abisso del Colle Pauliano (I. na Pauli Vrh)

280

+

Colle Pauliano-B.G.Gigante

27

Grotte presso Trebiciano (v Mancach)

337

+

Trebiciano

1097

Grotte di Sgonico

320

+

Sgonico

1204

Fovea del Messo

263

+++

Prosecco

1205

Fovea Rocciosa

278

++

Prosecco

1273

Antro tra Gebrovizza e Sgonico

236

+

Gabrovizza

1776

Grotte del Bersaglio Militare

243

+

Campo Sacro (Bozie Polie)

2324

Antro di Medeazza

50

++

Medeazza

3144

Pozzo VII pr. Borgo Grotte Gigante

262

++

Borgo Grotta Gigante

3763

Baratro a N di Bristie (Baretro Phyilitis)

236

++

Bristie

3913

Grotte delle Fonace (Jama Jepavkna)

258

++

Aurisina

4000

Grotta della Doline del Francese

257

+

Prosecco

4208

Doppio Beratro ed Est di Prosecco

249

+

Prosecco

5583

Baratro presso San Lorenzo

403

+++

San Lorenzo

TAB. N.2

DATA

STAZIONE

QUOTA m

FREQ.

LOCALITÀ PROSSIMA

12. 1963

Solcato Borgo Grotte Gigante

254

+

Borgo Grotte Gigante

07. 1965

Sent. ‘N. 3’, a N del Monte Lanaro

515

+

Rupinpiccolo

09. 1966

Presso Pozzo ‘Rosica’(Scarizze 2156 VG)

332

+

Zolla

08. 1986

Sentiero N.43, presso 1216 VO

318

+

Zolla

11. 1866

M. Sedien, pr. Grotte Benussi (4167 VG)

275

+

Precenicco

12. 1886

Versante NW del Monte Gredine

310

+

Ternova Piccole

12. 1886

Dolina presso Santa Croce

201

+

Santa Croce

01.1987

Base muretto, sotto linee elettrice

325

+

Trebiciano

07. 1987

Presso stagno ‘Terre Rosse’

184

+

Bristie

10. 1969

Nel Boschetto, versante Longera

166

+

Longera

05. 1882

Bosco ‘Vicolo delle Rose - vie dei Mulini’

150-175

++

Roiano

07. 1994

Margine stagno N. 13

355

+

Rupinpiccolo

06. 1995

Versante NW Monte Cocusso

555-650

++

Basovizza

08. 1996

Dolina ‘Osjna” presso 242 VG

260

+

Ternova Piccola

04. 1997

Rio Orsenigo (Cologna)

150

+

Tries

DRYOPTERIS FILIX-MAS - sul monte Cocusso (Foto E.Polli)

CONSIDERAZIONI GENERALI 

Da indagini vegetazionali, effettuate in questi ultimi decenni sul territorio carsico incluso nella provincia di Trieste, è stato dun­que possibile delineare un primo quadro delle stazioni di Dryopteris Filix-Mas. Più significa­tivo e stabile nel tempo risulta l’elenco relati­vo alle cavità carsiche, visitate con maggior frequenza ed attenzione; più instabile ed in­certo può considerarsi invece il prospetto che riporta le presenze della felce negli altri siti, legati a microclimì e topoclimi volubili e di conseguenza sedi sporadiche ed occasionali della specie. In sostanza, oggi risulta poco diffusa sul territorio carsico. Non molte infatti sono le cavità - soltanto 14 - ove essa è stata individuata e solamente due quelle in cui si sviluppa stabilmente con una certa rigogliosità: il Baratro presso San Lo­renzo (5583 VG) e la Fovea del Masso (1204 VG), entrambe situate in ambiente di pineta con caratteri acìdofili ed associata alla rara Dryapteris dilatata. Negli altri speleositi Dryapteris Filix-Mas cresce invece con minor esuberanza, eviden­ziando scarse fronde e condizioni vegetativa non ottimali. Ancor meno frequenti, come già fatto no­tare, sono le stazioni non legate a cavità. Dalla Tabella N. 2 si deduce come la specie sia stata individuata in citi alquanto eterogenei, com­prendenti sia l’immediata periferia della città di Trieste sia i più eterogenei ambienti carsi­ci. Fanno in parte eccezione i boschi freschi ed umidi situati nell’immediata, periferia di Trieste (Vicolo delle Rose - via Molini a Roiano superiore, Moreri e “Boschetto”), ove Dryapteris Filix-Mas presente in alcuni siti, asso­ciata a specie d’ambiente ventilato ed um­bratile quali ad esempio Lilium Martagon, Circaea Lutetiana ed Aruncus doicus. Alcune stazioni della specie si mantengono nel tempo sull’alto versante nord-ovest del Monte Co­cusso. La complessiva scarsa presenza o la ra­refazione di Dryapteris Filix-Mas  può essere ricondotta - al pari di altre entità apparte­nenti alla speleoflora carsica (ad esempio Phylitas scolopendrium) - alla variazione cli­matica in atto che si esprime con una situa­zione meno umida e più secca, in conseguenza dell’uniformità nella distribuzione delle precipi­tazioni e conseguente diminuzione dell’escur­sione annua. Ulteriori precise segnalazioni di Dryapteris Filix-Mas sia nelle cavità carsiche che nel distretto triestine, potranno aggiornare il quadro di distribuzione della specie mettendo via via a fuoco un altro tassello dell’emblema­tico ambiente speleo-vegetazionale carsico.

BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE

DRYOPTERIS FILIX-MAS (L.) (dis. Maria Grazia Polli)

·         BIASOLETTO 8. 1B46 -  Escursioni botaniche sul­lo Schneeberg [Monte Alevosoj nella Carniola. Trieste, 1846: 89.

·         GORTANI L. e M., 1905-  I 906 - Flora friulana con speciale riguardo alla Carnia. Parte II: 45.

·         MARCHESETTI C. 1896 -1897-  Flora di Trieste e dei suoi dintorni. Atti Mus. civ. Stor. nat. di Trieste, 10: 677.

·         MEZZENA R., 1988 -L ‘erbario di Carlo Zrnich (ZirL). Atti Mus. civ. Stor. nat., Trieste. 38 (1): 198.

·         PIGNATTI B., 1982 - Flo­ra d’italia. Edagricoie, 3 vol., Bologna.

·         POLDINI L., 1980 - Cata­logo fioristico del Friuli ­Venezia Giulia e dei terri­tori adiacenti. St. Gsobot., 1 [2) : 313-474.

·         POLDINI L., 1889 - La  vegetazione del Carso isontino e triestino. Ed.  Lint, Trieste: 1-315

·         POLDINI L., 1991 - Atlante corologico delle piante vascolari nel Friuili Venezia Giulia, inventa­rio floristico regionale. Regione Autonome Friuli-Venezia Giulia e Università degli Studi di Trieste, Udine. 899 pp.

·         POLLI E., 1967 - Particolare sviluppo di  Phyliltis scolopendrium [L.) Newm. In un bara­tro (3763 VG) del Carso di Trieste. Atti e  Mem. Comm. Grotte “E. Boegan”, vo. 25:  103-112.

·         POLLI E., POLLI S., 1989 - Stratificazione microclimatica e vegetazionale in un tipico ba­ratro [Caverna a NW di Fernetti 4203 VG)  del Carso triestino. Att e Mem. Comm. Grot­te “E. Boegan”, 28: 39-49.

·         POLLI E., 1990 - Dryopteris dilatata in un baratro del Carso triestino. Progressione 23, Comm. Grotte “E. Boegen”, 13(1):15-16.

·         POLLI E., GUIDI P., 1996 - Variazioni vegetazionali in un sessantennio [1935-1995)  nella dolina della Grotta Ercole 8 VG [Carso triestino). Atti e Mem. Comm. Grotte “E. Boegan”, 33: 55-69.

·         POSPICHAL E., 1897 - 1899. - Fiore des oestereichischen Kustenlandes. 2 Voll.  Deuticke, Leipzig u. Wien: 17-18.  81

                                                                                                     Elio Polli