home > l'attività > Estero > Slovenia > 1988 - Krizna Jama

KRIZNA JAMA - SLOVENIA

Krizna Jama (Foto G.Nussdorfer)

Pubblicato sul n. 19 di PROGRESSIONE - Anno 1988

 Domenica ore 6.30, suona la sveglia, faccio rapidamente la doccia e mi vesto; prendo lo zaino, le chiavi dell'automobile ed il passaporto. Passaporto!? Si! Passaporto.

La grotta che andrò a visitare si apre nella zona del Lago di Circonio vicino a Postumia. In Jugoslavia.

L'appuntamento con gli altri partecipanti è fissato alle ore 8.00 a Postumia sotto l'edificio dell'ex Istituto Italiano di Speleologia. Tutti arri­vano più o meno puntuali e si può così procede­re verso l'abitato di Loz dove ci attende la guida.

In realtà la grotta che visiteremo è conside­rata turistica e per accedervi si deve pagare una considerevole somma, che comprende comun­que la presenza di uno speleologo locale con la funzione di accompagnatore-guida.

La caratteristica che contraddistingue questa grotta da quelle del Carso Triestino è la costante presenza di un grosso corso d'acqua sotterraneo. Difatti per visitare gli otto chilome­tri di gallerie della grotta si è costretti ad attra­versare, con l'ausilio di piccoli gommoni, oltre venti laghi dei quali il più vasto raggiunge i trecento metri di lunghezza.

Nella zona vicina all'ingresso sono stati trovati numerosi resti di Ursus Spelaeus, che sembrano appartenere ad oltre cento esempla­ri; noi purtroppo, nelle otto ore di permanenza in grotta non siamo riusciti a visitare questa parte della cavità.

Come al solito, da degni «italiani», siamo riusciti a contraddistinguerci facendo incazza­re a morte la guida a causa di un non troppo ortodosso scarburamento di Edi, effettuato di­rettamente dentro il fiume e non dentro il nylon come esigeva la guida. Obiettivamente l'acca­duto non era così grave. è sorprendente co­munque notare come all'estero lo spirito di con­servazione e tutela dell'habitat naturale sia così sentito, mentre in Italia le grotte continuino ad essere oggetto di indiscriminata deturpazione causata anche da noi speleologi.

Hanno partecipato alla gita speleofotografica: A. Fabbricatore e D. Cergna (G.S. Bert. Gori­zia) - E. Clemente, R. Ravalli, L. Russo e G. Nussdorfer (CGEB).

                                                                                          Giacomo Nussdorfer