home > gli archivi > Atti e Memorie > indici dal n°31 al n°44 > PRESENTAZIONE

SOCIETÀ ALPINA DELLE GIULIE SEZIONE DI TRIESTE DEL CLUB ALPINO ITALIANO

 

Atti e Memorie della Commissione Grotte “Eugenio Boegan”

INDICI 1992-2004 - (n. 31 – 40)

(a cura di Pino Guidi)

Supplemento n. 26 di «Atti e Memorie» della Commissione Grotte “E. Boegan”

                                                      TRIESTE 2008

--------------------------------------------------------------------------------------------------

TUTTI I DIRITTI RISERVATI

Direttore responsabile: Franco Cucchi. Direttore di redazione: Enrico Merlak

Editrice: Società Alpina delle Giulie - Trieste

Redazione: Commissione Grotte “E. Boegan”, via di Donota, 2 - I 34121 Trieste, Italia

e-mail: boegan(at)tin.it

Autorizzazione del Tribunale di Trieste n. 333 del 7-12-1966 Trieste 2008

---------------------------------------------------------------------------------------------------

 

PRESENTAZIONE

Per una rivista politematica e ad uscita annuale abbastanza regolare come Atti e Me­morie, è importante consentire al maggior numero di persone possibile di conoscere i con­tenuti degli articoli dati alla stampa. Gli Indici ragionati sono il miglior veicolo di questa facilitazione alla conoscenza.

Indici 1992 - 2004 (31-40), supplemento 26 ad Atti e Memorie della Commissione Grotte “Eugenio Boegan” è il quarto volume della collana, che aggiorna l’utenza sulla notevole mole di materiale scientifico prodotto negli ultimi anni della nostra Rivista che, ininterrottamente, dal 1962 pubblica articoli dedicati alla descrizione scientifica del varie­gato mondo legato ai fenomeni carsici.

Il Supplemento si deve alla costante attenzione di Pino Guidi alla divulgazione dell’at­tività della Commissione ed alla sua valorizzazione. In un’ epoca in cui purtroppo si tende sempre più a non perdere tempo a cercare di conoscere quanto già fatto, detto, scritto da­gli “antichi” perché si ha l’impressione che il presente sia già futuro (nel senso che questa è l’epoca della globalizzazione e del “tutto in tempo reale”), è veramente importante fre­nare questa tendenza offrendo un’efficace rivisitazione del passato.

Ricordiamo come le conoscenze che domani saranno ieri hanno comunque profonde fondamenta nel passato, che va di volta in volta rivisitato, mai ignorato.

Franco Cucchi