home > chi siamo > Biografie di speleologi del passato > Cognomi P - R > Pietro Parenzan

PIETRO PARENZAN – POLA 1902 - 1992

Pubblicato sul n. 28 di PROGRESSIONE -Anno 1993

La ruota della vita gira inesora­bile, eliminando ad uno ad uno i protagonisti della speleologia di ieri: nel 1992 un altro vecchio spe­leologo giuliano è venuto a manca­re. Ci è giunta in­fatti notizia della morte, alla bella età di 90 anni, di Pietro Parenzan, uomo di scienza dai molti interessi ma con un amore innato per il mondo delle grotte.

Nato a Pola nel 1902, cominciò ad esplo­rare - assieme ad alcuni amici - le caverne dei dintorni di Fiume (ove era sfollato a cau­sa della guerra) nel 1915; non era la sola passione del giovane Parenzan, che era at­tratto da mille altri interessi culturali e scien­tifici (soprattutto la biologia) ma fu talmente viva che gli segnò la vita.

Vita avventurosa (descritta in parte nel 1957 nel suo libro "Tenebre luminose", uno dei primi di divulgazione speleo in Italia, e poi nel 1986 nell'autobiografia "Vita agita­ta"), dopo aver girato il mondo (spedizioni scientifiche e viaggi di studio in mezza Eu­ropa, Africa, Asia, America) nel 1946 mette le radici a Napoli ove fonda il Centro Spe­leologico Meridionale e promuove la costi­tuzione di numerosi gruppi grotte nell'Italia meridionale.

Gli anni '50 e '60 lo vedono protagoni­sta in tutte le iniziative speleologiche che interessano il sud dell'Italia che rilancia speleologicamente anche attraverso due ri­viste (dapprima "Studia Speleologica" e quindi "Speleologia").

Chiude la sua carriera di studioso - so­prattutto biologo -, fondatore di musei, grup­pi, associazioni, riviste, a Taranto, ove chiu­de pure la sua vita terrena.

                                                                                                                Pino Guidi

 

Bibliografia speleologica

Vai alla bibliografia ..