Susanna Martinuzzi

IN MEMORIA DI SUSANNA MARTINUZZI, TRIESTE 3.6.1957 – 26.4.2019

È venuta a mancare, lo scorso 26 apri­le, Susanna Martinuzzi, figura storica della gestione e organizzazione del catasto grotte del Friuli Venezia Giulia e speleologa attiva negli anni ’80 e ’90. Nata a Trieste il 3 giugno del 1957, dal 1975 è socia del CAI SAG Trieste, ove nel 1980 partecipa al XV corso d’introduzione della speleologia della Commissione Grotte “E. Boegan”. Ne segue una intensa attività che la porta a diventare socia della CGEB nel 1982, seconda donna in ordine di tem­po accettata dal sodalizio (la prima era sta­ta Daniela Michelini), con il soprannome di C.O.T. Già dal 1981 collabora con il catasto re­gionale grotte (affidato alla CGEB) curando la parte grafica e il posizionamento della cavità, sostituendo Louis Torelli nel frattem­po trasferito in Africa per impegni lavorativi: entrambi, Torelli e Martinuzzi, provengono dall’Istituto Tecnico d’Arte “Nordio” di Trie­ste, e grazie alla formazione didattica e ad innante doti grafiche/artistiche, porteranno un rinnovamento nella gestione del disegno delle cavità. Nel medesimo anno, in attività di cam­pagna, riesplora l’Abisso “Polidori” sulle Alpi Carniche e soprattutto prende parte alla spedizione triestina alla SIMA GESM, in Spagna, ove tocca il fondo a -1074m. Nel 1982 trova ed esplora sul massiccio del Canin, l’Abisso degli Increduli (-399m) ed è istruttrice del XVII corso di speleologia se­zionale. Dal 1982 e nei due anni successivi, 1983 e 1984, la porteranno a spostarsi con frequenza ad Ovest, tanto da trasferirsi un periodo a Torino, collaborando ed esploran­do con il GSP Torino nella zona del Margua-reis, tra i quali l'”A-7″, la Gola del Visconte (collegamento con Piaggia Bella), il Filolo­ga, l’Essebue e poi in Svizzera il sistema Holloch. Nel 1983 diviene membro effettivo del GSP CAI UGET Torino. Già dall’estate del 1982 stringe forti rapporti d’amicizia e collaborazione con Giovanni Badino, per cui eseguirà le tavole grafiche del libro “Gli abissi italiani”, pubblicato da Zanichelli nel 1984. Nel 1985 e sino al 1998 assume l’incarico di bibliotecaria della CGEB. Nel 1987 partecipa e disegna i loghi, i manifesti e le magliette del 7° Congresso In­ternazionale di soccorso speleo che si svol­ge a Cividale (UD). Un’essenziale e ancora attuale contribu­to alla conoscenza del fenomeno carsico del Canin viene da lei dato dando alle stampe, allegato alla rivista Progressione, n.17, la ta­vola del compendio, in pianta topografica, dei maggiori sistemi carsici di tale area. Nel 1996 collabora per l’organizzazione dell’incontro “La legge regionale della spe­leologia ha 30 anni”, convegno svoltosi a Trieste nell’ottobre del 1996. Sempre nel 1996, disegna i poster e le magliette pubblicitarie della Grotta Gigan­te, inventando, tra l’altro, il personaggio del “Muccocervo”, che tutt’oggi viene utilizzato in fase promozionale agli eventi della cavità turistica. L’impegno professionale, ininterrot­to dal 1981, al catasto regionale delle grotte con la SAG CAI termina con frizione tra le parti nel 2007, quando Susanna esce dalla CGEB-SAG: altresì, non viene meno il suo impegno lavorativo rimanendo riferimento della struttu­ra anche nella gestione della FSR-FVG. Tale impegno rimarrà continuo sino al 2017, anno del nuovo trasferimento della struttura dalla gestione degli speleologi direttamente agli uf­fici regionali competenti (Servizio Geologico). Come già accennato, Susi era anche una talentuosa disegnatrice, tanto che per tre anni di seguito vinse il primo premio al concorso nazionale di “Illustratori di libri per bambini”. Riconoscimenti in tal senso le vennero anche da attestati personali a fir­ma dei Bonvì, Cavandoli, Silver e in seguito a questi successi stipulò dei contratti con note case editrici italiane come illustratrice grafica. Dal 2008 si affacceranno degli importanti problemi di salute, che oltre a ridurne l’attivi­tà, la porteranno al prematuro decesso, av­venuto serenamente nel sonno la notte dello scorso 26 aprile.

SCRITTI

  • 1983 Speleologia al femminile, Progressione cento, TS 1983: 60-62 + Progres­sione 50: 126, TS 2004 1982 Increduli (Abisso degli),
  • Progressione 10, 5 (2): 16-17 TS 1982 1981 Turismo speleo,
  • Progressione 8: 26-28 Non era il caso,
  • Progressione 8: 4 (2): 12-13 TS 1981 [con Stocchi M.] Mucho calor,
  • Progressione 9 24-26 + Progressione 50:31, TS 2004 1987 Errare umanum est,
  • Progressione 17: 22-23 + Progressione 50: 50-51, TS 2004 1996 [con Cucchi F.] Catasto delle grotte del Friuli Venezia Giulia. Elenco delle cavità per le quali si è proposto inter­venti di tutela. In “La legge regionale sulla speleologia ha trent’anni: i risul­tati, le proposte per il futuro” num. Spec dei Quaderni del catasto, Trie­ste ottobre 1996: 73 – 114 2001 Contributo al Catasto nel 2000,
  • La Gazzetta dello Speleologo, n. 51: 6, Monfalcone (60) febbraio 2001

Hanno collaborato: Pino Guidi, Franco Gherlizza, Patrizia Squassino e Riccardo Corazzi