Bruno Boegan

BOEGAN Bruno (17.09.1901 – 03.12.1985)

Presidente dal 1948 al 9 aprile 1953
Nipote di Eugenio Boegan (suo padre, Felice, con i fratelli Eugenio e Albino, fondò il Club dei Sette) nasce a Trieste il 17 settembre 1901; inizia l’attività esplorativa nel 1920, partecipando successivamente a tutte le maggiori campagne speleologiche organizzate dalla Commissione (Istria, Carniola, Friuli, Alburni, Sicilia). Nel 1943 mette in salvo, con grave rischio della propria vita, il Catasto delle Grotte che riporta all’Alpina non appena passata la bufera della guerra. Nel 1948 viene nominato Commissario straordinario della Commissione Grotte, con l’incarico di riannodarne le fila disperse e di rilanciarne l’attività. Eletto presidente dall’Assemblea dei soci del 1949, mantiene tale carica sino al 9 aprile 1953, quando passa la mano al più giovane Carlo Finocchiaro. Rimane comunque nel Direttivo della Commissione ancora per molti anni e direttore della Grotta Gigante sino ad età avanzata.
Negli anni della sua gestione la Commissione – ribattezzata da un’Assemblea “Commissione Grotte Eugenio Boegan” – ritrova se stessa, abbozzando un primo piano di ricerche e studi che tiene conto delle mutate condizioni politiche, economiche e territoriali in cui deve operare. Il fervore di opere si concretizza in una serie di articoli speleologici su varie riviste, un numero “speleologico” di “Alpi Giulie”, la riapertura della Grotta Gigante e un primo timido tentativo di istituzionalizzare una scuola di speleologia, riallacciandosi alle iniziative degli anni1911-1912 e 1919-1924.

Testo pubblicato su “Progressione100” – Anno 1983

Ulteriori notizie su Bruno Boegan si possono trovare in:

Forti F., 1986: Bruno Boegan, Alpi Giulie, 80 (1): 56
Guidi P., 1986: Bruno Boegan, Speleologia, 14: 62, Milano feb. 1986
Guidi P., 1986: Bruno Boegan, UIS Bulletin, 1986 (1): 21-22
Marini D. 1986: Bruno Boegan (1901-1986). Sessantacinque anni di speleologia, Atti e Memorie 25: 15-17

Bibliografia speleologica

Prima esplorazione della grotta termale del monte S. Calogero di Sciacca in provincia di Agrigento, Le Grotte d’Italia, s. 2 a, 5 (1941-1944): 131-135, Trieste 1944
Che cosa è la speleologia, Alpi Giulie, 1949 (1): 41-42
Coordiniamo la speleologia italiana, Alpi Giulie, Trieste 1950: 1-2
Relazione dell’attività 1949-50, Alpi Giulie, Trieste 1950: 2-7
L’attività esplorativa della Commissione Grotte della Società Alpina delle Giulie, Atti del V Congr. Naz. di Speleologia, Salerno 1951, Salerno 1955: 79-80
[con L. S. Medeot] Relazione sulla I. esplorazione effettuata dal C.A.I. di Trieste nelle grotte vaporose del Monte Kronio, Kronion, N. 1-2: 15, Sciacca 1957
Due riusciti esperimenti di rabdomanzia (1913-1928), Mondo Sotterraneo 1974-1975: 129-133, Udine 1976
Renato Crisman, Progressione 11, 6 (1): 48, Trieste 1983
60 anni di ricordi, Progressionecento, Trieste 1983: 53-54
Anche questa è storia. Malefatte della vecchia Commissione, Progressionecento, Trieste 1983: 84-85
Eligio Gortan, Progressione 13, 8 (1): 36, Trieste 1985
Ricordo di due amici: Orseolo Pieri e Oscar Marsi, Progressione 14, 8 (2): 49, Trieste 1985
Il ricordo di Orseolo Pieri, Alpi Giulie, 80 (2): 130-132, Trieste 1986

Vai alla Bibliografia speleologica

Comments

comments