1977 – Morfologie di corrosione – concrezionamento calcitico

 

MORFOLOGIE DI CORROSIONE E DI CONCREZIONAMENTO CALCITICO NELLA GROTTA AZZURRA DI SAMATORZA

Pubblicato sul Volume XVI di Atti e Memorie – Anno 1977

  RIASSUNTO

 Viene data la descrizione geomorfologica della Grotta Azzurra di Samatorza (Carso Triestino), con particolare riferimento ad alcune forme di corrosione carsica osservate nella parte inferiore della cavità. Si tratta di canali di volta, karren inversi e fori di corrosione per miscela d’acque che si sono sviluppati quando quel tratto di grotta era occupato da sedimenti argillosi, con una circolazione idrica al livello della volta dei vani, al contatto fra la roccia calcarea ed i sedimenti stessi.

PREMESSA

 La Commissione Grotte «Eugenio Boegan» – Società Alpina delle Giulie, Sezione di Trieste del C. A. I. – ha da tempo intrapreso un ciclo di ricerche, condotte spesso in collaborazione con l’Istituto di Geologia dell’università di Trieste, sulla geomorfologia carsica in rapporto alla litologia ed alla tettonica delle rocce carbonatiche del Carso Triestino- Nella presente nota viene considerata la morfologia della Grotta Azzurra di Samatorza, VG 257, una delle più note cavità della Venezia Giulia, con particolare riferimento alle forme di corrosione e di concrezionamento calcitico legate alla presenza di sedimenti argillosi.

                                                                                                       Fulvio Gasparo

Scarica l’articolo completo in formato pdf

Comments

comments